Seguici su

Politiche abitative

Determinazione dei canoni

I canoni di affitto degli alloggi di edilizia residenziale pubblica sono determinati dai Comuni o dalle Acer (ex Iacp) nei casi in cui i Comuni le hanno affidato la gestione del loro patrimonio, sulla base di criteri generali definiti dalla Regione.

 Il canone è determinato dal valore dell’immobile e della situazione economica della famiglia che ha avuto in assegnazione l’alloggio. La situazione economica della famiglia è valutata tenendo conto sia del valore dell’ISE (indicatore della situazione economica) che dell’ISEE (indicatore della situazione economica equivalente). Sulla base dei valori Ise/Isee la Regione ha individuato diverse fasce di utenza:    

  • la fascia di protezione per le famiglie meno abbienti per le quali è stata definita l’incidenza massima del canone sul reddito;
  • la fascia costituita da nuclei familiari, al di fuori della fascia di protezione, per i quali il Comune stabilisce un canone, all’interno dei limiti minimi e massimi fissati dalla Regione;
  • la fascia della decadenza, riferita ad utenti dichiarati decaduti, ai quali applicare fino al rilascio dell’alloggio, un canone maggiorato rispetto a quello previsto per la fascia precedente, definito dal Comune, entro i limiti fissati dalla Regione. 

 

Riferimenti normativi 

Le norme e gli atti amministrativi in vigore

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/01/16 13:00:00 GMT+2 ultima modifica 2012-07-20T19:06:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina