Qualità Urbana

FAQ - Monitoraggio e gestione

In questa pagina sono pubblicate le risposte riferite a domande poste in fase di attuazione e gestione degli interventi ammessi a contributo, relative in particolare alla fase di gestione ed alimentazione del sistema operativo (SMU) per l'erogazione delle risorse FSC.

A questo link sono inoltre pubblicate tutte le guide e i materiali utili a operare sul sistema operativo per l'erogazione delle risorse FSC.

Per porre altri quesiti scrivere a BandoRU@regione.emilia-romagna.it

MODULI CARICAMENTO DATI  APPLICATIVO SMU

Domanda: I tutorial forniti a suo tempo dal Ministero "guida parte II" e "nuove funzioni" sono aggiornati al nuovo lay-out della piattaforma? Nello specifico la "guida parte II" non è del tutto completa ovvero non tratta tutte le voci presenti nella piattaforma. Indica di compilare una prima parte di dati (primi 5 quadri) e poi di approvare i dati. Suppongo che si debba procedere in tal modo. Potrebbe essere utile avere dal Ministero un tutorial completo anche degli altri quadri.

  • Risposta: Le guide, utili alla fruizione del sistema, sono caricate nell'apposita sezione Manuali. L'iter di processo da seguire è quello indicato all'interno della breve guida redatta dalla regione per facilitare la compilazione delle varie fasi: proposta progettuale, (a seguito della validazione da parte del competente Responsabile di Monitoraggio questa passa da proposta progettuale a progetto attivo), gestione progetto (che dovrà essere aggiornata con cadenza bimestrale per il passaggio dei dati di monitoraggio in BDU). Il manuale d’uso del ministero raccoglie tutte le informazioni (sintetizzate nelle Brevi guide come presentazioni) ed è scaricabile nella versione aggiornata dalla piattaforma del programma (sezione download). La guida di sintesi regionale cerca di evidenziare i passaggi essenziali, mettendo anche in luce gli elementi di attenzione insorti nelle fasi di compilazione, fermo restando che i documenti ufficiali e aggiornati sono quelli del Ministero sulla piattaforma.

Domanda: Nel caricamento dei progetti (1 fase) da parte dell’utente beneficiario operatore (Comune) nel Sistema SI.MIT-FSC 2014-2020, l’operatore dovrà inserire tutti i dati aprendo i 7 moduli: localizzazioni, soggetti correlati, quadro economico, previsioni di spesa, indicatori di risultato, indicatori di output, iter. Nel modulo previsioni di spesa, cosa significa importo ddr?

  • Risposta: “importo DDR” sta per importo domanda di rimborso (si veda faq domande di rimborso per maggior dettaglio o i manuali d’uso).

Domanda: Dopo aver “completato la proposta”, relativa ai dati dell’anagrafica del progetto, quali sono gli step successivi?

  • Risposta: Le proposte COMPLETATE devono essere approvate dal RLA (Responsabile Linea di Azione Divisione V MIT). Con tale approvazione il progetto diventerà ATTIVO, migrerà nella sezione GESTIONE PROGETTI nella quale l'operatore troverà ulteriori maschere da alimentare, ed entrerà in monitoraggio. Il processo di approvazione segue la stessa logica della fase di proposta progettuale: l'operatore carica il dato, il coordinatore (RER) fa la sua approvazione, dopo di lui l'RLA ed infine l'AdG che, una volta validato invia il progetto aggiornato in BDU (Una volta che il progetto è in BDU è possibile richiedere l'anticipazione del finanziamento). Le istruzioni per questo secondo caricamento sono contenute nelle guide a suo tempo inviate e pubblicate sul sito tematico della RER. Occorre inoltre consultare l’informativa dell’aprile scorso relativa alle procedure di monitoraggio bimestrale.

Domanda: È ammissibile che un intervento abbia un unico CUP e un quadro economico unitario, ma che si realizzi con più appalti?

  • Risposta: È prevista la possibilità di interventi che abbiano più appalti, i quali a sistema vengono censiti come un unico progetto (unico CUP) ed evidenziano le caratteristiche di ciascun appalto, per esempio nella sezione “ITER” la data iniziale prevista\effettiva di stipula contratto è il primo contratto in essere, mentre la data di fine prevista\effettiva di stipula contratto è l’ultimo contratto in essere. Si richiedono maggiori dettagli in merito alla natura e tipo di operazione dell’appalto.

AGGIORNAMENTO DATI SMU

NOTA di ATTENZIONE: Man mano che procede la rendicontazione delle spese aggiornare tutte le schede in maniera coerente che fanno riferimento a ciò: “Procedure di aggiudicazione”, “Piano dei costi”, “Quadro tecnico economico”, “Previsione di spesa”, “Impegni”, “Titoli di spesa”, “Pagamenti”, “Percettori”, “Iter”, “Scostamenti”

Domanda: Considerato che in corso d’opera è fisiologico che alcuni dati inseriti nelle schede POI quali il crono programma dei lavori e quello di spesa subiscano variazioni, l’aggiornamento avviene direttamente mediante la validazione dei dati nella piattaforma di monitoraggio SMU PON/PAC/FSC 2014-2020?

  • Risposta: Si conferma. L’attività di monitoraggio è finalizzata a rilevare lo stato di avanzamento fisico, finanziario e procedurale del progetto e a rilevare eventuali scostamenti rispetto alla pianificazione inziale. Il sistema SMU recepisce le variazioni dai dati originari e chiede all’operatore beneficiario di motivare tale modifica all’interno della sezione “Scostamenti”, per esempio nel caso di modifiche dell’iter oppure del piano dei costi. In presenza di atti formali che giustifichino lo scostamento (ad esempio sospensioni, proroghe, ecc.) occorrerà allegare tale documentazione sul SI, all’interno del progetto in alto a destra nell’icona “attache”.

DATI ANAGRAFICI

NOTA di ATTENZIONE: Verificare che il titolo dell’intervento sia quello riportato nella scheda P.O inviata al MIT (allegata al CRU) e coincidere con il titolo dell’intervento associato al CUP.

Domanda: Nel Sistema SI.MIT-FSC 2014-2020, nel primo modulo "Dati anagrafici", il Codice Progetto Beneficiario che i Comuni devono inserire è il CUP?

  • Risposta: Come indicato alla VI pagina della Breve Guida SIMITFSC, il CPB è un codice esistente (ad esempio negli atti di pianificazione/programmazione del beneficiario) o creato ad hoc. Nulla vieta di inserire il CUP.

LOCALIZZAZIONI

NOTA di ATTENZIONE: riportare la esatta dicitura di localizzazione dell’intervento scritta nella scheda P.O.

PROCEDURE DI AGGIUDICAZIONE

Domanda: Dovendo inserire una procedura di aggiudicazione senza CIG, come posso darne evidenza nel sistema SMU?

  • Risposta: In merito alle procedure di aggiudicazione, se sussiste il caso in cui esse non abbiano un CIG, nell'applicativo il campo deve essere valorizzato con “9999” o lasciando il campo in bianco ed è obbligatorio selezionare un “Motivo di assenza CIG” dal menu a tendina.
    Al fine di evitare errori in sede di trasmissione di tali strutture dati nella BDU e sorpassare i controlli di IGRUE, il beneficiario, nel caso in cui vi sia l'assenza del CIG, deve compilare obbligatoriamente anche i seguenti campi: descrizione procedura, tipo di procedura, importo procedura di aggiudicazione e data di pubblicazione.

IMPORTI DI PROGETTO

Domanda: Gli interventi ammessi a finanziamento FSC sono cofinanziati. Nel modulo previsioni di spesa, per importo di pagamento è opportuno inserire l'importo totale di pagamento dell'intervento comprensivo del cofinanziamento locale o la sola quota di finanziamento FSC? Nel primo caso le due colonne avranno importi differenti (a differenza di quanto indicato nella Breve guida in base alla quale, in questa prima fase di inserimento dati, le previsioni di spesa e l'ammontare delle domande di rimborso previste, in linea generale coincidono).

  • Risposta: L’oggetto primario del Monitoraggio é il finanziamento FSC. Pertanto, laddove non sussistano eventuali motivazioni che in generale sono ascrivibili alla possibilitá di chiedere il rimborso di spese sostenute a valere su altri fondi nel caso di interventi cofinanziati come previsto dalla Circolare n 1/2017 del Ministro per la Coesione Territoriale, inserire a monitoraggio solo la quota FSC per tutti i caricamenti (piano dei costi, previsioni spesa, costo ammesso, impegni, titoli di spesa, pagamenti). Unica eccezione è il quadro economico dal quale risulterà Importo totale dell’opera e Importi ammessi, ovvero solo FSC.

Domanda: Qualora a cambiare fosse il costo totale dell’intervento (fermo restando l’importo del contributo FSC, il titolo dell’intervento e il relativo CUP) cosa si deve fare?

  • Risposta: Comprendendo che tali interventi siano oggetto di altro cofinanziamento pubblico, oltre alla fonte FSC, dal punto di vista del processo di monitoraggio nel SI SMU, qualora sia censita la sola fonte FSC (come nel vostro caso) non occorre indicare la variazione del costo totale (tanto più che non vi è modifica di CUP e anagrafica di progetto).

QUADRO ECONOMICO

Domanda: La compilazione del quadro economico da parte del Beneficiario operatore (Comune) nel Sistema SI.MIT-FSC 2014-2020, a quale livello di progettazione si riferisce? Il Comune può inserire, a seconda dello stato di avanzamento in cui si trova, in QTE approvato con il progetto definitivo, esecutivo o post aggiudicazione (nel qual caso inserendo già il ribasso di gara nella voce imprevisti)?

  • Risposta: La compilazione si riferisce al livello di progettazione più aggiornato che abbia conseguito un'approvazione formale. L’aggiornamento bimestrale permetterà di modificare il QTE nel corso della realizzazione dell’intervento per adeguarlo agli atti approvati.

Domanda: La tabella elenco "Quadro economico" da compilare in questa primissima fase di inserimento dati è la stessa che sarà poi oggetto di aggiornamento in forma bimestrale, una volta avviata tale modalità di aggiornamento? Il Sistema consente successivamente alla validazione dei dati da parte del Beneficiario Coordinatore (la Regione), di aggiornare tale quadro economico?

  • Risposta: Sì. L'aggiornamento dei dati non è solo possibile ma necessario. Tutti i dati inseriti a sistema saranno oggetto di aggiornamento bimestrale a partire dal 30 giugno 2020 e pertanto anche il quadro finanziario farà parte dei quadri da rivedere in base all’andamento.

Domanda: Nel modulo quadro economico quale dato bisogna riportare alla voce importo ammesso?

  • Risposta: Si deve inserire l’importo del finanziamento FSC.

ECONOMIE DERIVANTI DA RIBASSO D’ASTA

Domanda: La modalità per utilizzare le eventuali economie derivanti da ribasso d’asta, descritta nella nota PG/2020/0125158 del 13/02/2020 si applica anche alla quota di cofinanziamento del Comune? La convocazione del Collegio di Vigilanza si applica anche nel caso vengano utilizzate solo le economie per la percentuale di cofinanziamento del Comune?

  • Risposta: Competono al Collegio di Vigilanza i compiti indicati all’art. 9 dei Contratti di Rigenerazione Urbana, tra i quali l’attività di vigilanza sulla corretta e tempestiva attuazione degli accordi e degli impegni assunti, sulla sussistenza delle condizioni di decadenza dell’accordo stesso, nonché sulle proposte di rimodulazione degli importi assegnati ai singoli interventi, e il riutilizzo delle eventuali economie maturate. In particolare, quindi, modifiche riguardanti il quadro tecnico economico degli interventi costituiscono oggetto di valutazione da parte del Collegio; ed in modo analogo i possibili riutilizzi delle economie, sia per la quota statale che per quella comunale, devono essere oggetto di approvazione in quella sede. Ciò per la evidente necessità di mantenere reciproca conoscenza delle modifiche e integrazioni che potranno intervenire in sede di attuazione. In una logica di semplificazione, ed anche sulla base delle prime necessità che emergeranno da parte dei Comuni, saranno a breve fornite istruzioni finalizzate a rendere quanto più snello questo processo di consultazione e a minimizzare la necessità di incontri fisici, ove non strettamente necessari.

TITOLI DI SPESA

Domanda: In riferimento all’annullamento dei titoli di spesa, Essendo in corso il pagamento in acconto al professionista che ha redatto la progettazione definitiva, il professionista deve indicare in fattura la dicitura di cui al paragrafo 2.2.1 dell’allegato 3 al SIGECO “documento contabile finanziario a valere sul fondo sviluppo e coesione infrastrutture 2014-2020 – ammesso per .............” oppure è il Comune che deve successivamente riportare tale dicitura?

  • Risposta: La dicitura “Documento contabile finanziario a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione Infrastrutture 2014-2020 – ammesso per l’intero importo o per l’importo di euro ____”, attestante che quella spesa gode del contributo FSC Infrastrutture 2014-2020 al fine di evitare il doppio finanziamento, deve essere apposta dal Beneficiario del finanziamento (Comune) e presente all'atto dell'inoltro della domanda di pagamento intermedio/saldo alla Direzione generale competente MIT (RLA). Sulla base della propria check list l'RLA accerterà la presenza della suddetta dicitura, che gli consentirà di compilare correttamente i punti 10 e 11 della check list relativi all'assenza di doppio finanziamento. In caso non rinvenga la dicitura l'RLA non potrà procedere e dovrà chiedere al Beneficiario di integrare la sua domanda.

ITER

NOTA di ATTENZIONE: aggiornare man mano che l’intervento si attua se necessario e controllare che siano valorizzate le voci: data inizio (prevista da accordo CRU qualora disponibile o in base a cronoprogramma del comune), data effettiva (al compimento reale delle operazioni). Per i livelli di progettazione inserire tutte le fasi di progettazione eseguite.

Domanda: Nel modulo “Iter” in corrispondenza della voce “stipula contratto” come data inizio prevista è corretto inserire quella di pubblicazione del bando di gara? E come data di fine, quella della proposta di aggiudicazione ex art. 33 D.lgs. 50/2016?

  • Risposta: Sì. Considerare che le date dell’iter riportano come date previste quelle dell’Accordo CRU, mentre quelle effettive possono essere ovviamente diverse, purché entro la data prevista. In caso di variazioni alle date di previsione indicate nell’iter contenute nell’accordo CRU, sarà necessario prima avviare procedura del collegio di vigilanza per avere la validazione sulla piattaforma SMU.

SCOSTAMENTI

NOTA di ATTENZIONE: In caso di aggiornamenti/modifiche (ad esempio di tempistiche previste nel tab. Iter) si generano gli scostamenti, nei quali vanno inserite le motivazioni (ad es. citare verbale di aggiornamento CRU o motivazioni in esso riportate).

DOMANDE DI RIMBORSO

Domanda: Le domande di rimborso possono non coincidere con il periodo temporale dell'importo di pagamento? Le spese sostenute nel 2019 devono essere inserite nell'annualità in cui verrà richiesta la domanda di rimborso?

  • Risposta: Le spese sostenute in una determinata annualità corrispondono normalmente a domande di rimborso presentate in annualità successive.

Domanda: Quali sono le modalità di presentazione delle domande di pagamento del contributo FSC?

  • Risposta: Le modalità di presentazione delle domande di pagamento del contributo FSC sono illustrate nel paragrafo  “Richiesta di Pagamento”, pag. 10 dell’Allegato 3 al SIGECO “Linee guida per il Beneficiario”, consultabile al seguente link (pdf2.04 MB). Nel documento sono inoltre le spese ammissibili (pag. 20) e la documentazione a supporto delle rendicontazioni (pag. 25) (le pagine fanno riferimento alla versione del documento aggiornata all'agosto 2020)

NOTA di ATTENZIONE: Il processo di trasferimento delle quote di risorse FSC si articola come segue:

  • anticipazione pari al 10% dell'importo assegnato per i singoli interventi, cui si può accedere allorquando gli interventi e i relativi cronoprogrammi siano stati inseriti e validati nel Sistema di Monitoraggio Unitario istituito presso il MEF-RGS-IGRUE (SNM-IGRUE); l'anticipazione può essere richiesta in più soluzioni. La percentuale è fissata al 20% per gli interventi dotati di progettazione esecutiva approvata, ai sensi dell’art. 97 del Decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito in legge 24 aprile 2020 n. 27;
  • successivi pagamenti intermedi fino all'85% dell'importo assegnato a ciascun intervento; il primo pagamento successivo all'anticipazione si può richiedere qualora il costo realizzato sia almeno pari al 5% dell'importo assegnato ai singoli interventi presenti nel SNM-IGRUE; i pagamenti successivi possono essere richiesti allorquando si realizza un ulteriore costo, anch’esso almeno pari al 5% dell'importo complessivo assegnato ai singoli interventi. I predetti trasferimenti sono disposti a titolo di rimborso delle corrispondenti spese sostenute anche commisurate al costo realizzato;
  • saldo del 5% per ciascun intervento a seguito della domanda finale di pagamento corredata da attestato di chiusura dell’intervento (collaudo o certificato di regolare esecuzione).

Tipologie di domande di pagamento:

  • DDA (domanda di pagamento anticipazione);
  • DDAS (domanda di pagamento intermedio in base al SAL);
  • DDR (domanda di pagamento intermedio di rimborso).
  • Richiesta pagamento anticipazione (DDA):

Come illustrato a pag. 11 dell'Allegato 3 al SIGECO aggiornato ad agosto 2020, la richiesta di anticipazione da parte del beneficiario è subordinata alla validazione dei dati dell'intervento nel sistema di monitoraggio del piano e alla trasmissione degli stessi dati alla banca dati unitaria (BDU) gestita dal MEF-RGS IGUE. In attesa del completamento dei vari passaggi è possibile intanto compilare la domanda di anticipazione: quando il progetto è passato in BDU sarà possibile scaricare la domanda, firmarla digitalmente e caricarla in formato. p7m, confermarne i contenuti e validarla da parte dell’Organismo di coordinamento territoriale (Regione). Seguono i controlli successivi.

L’anticipazione viene recuperata a partire dalla prima domanda di pagamento intermedio con la quale l’ammontare dell’avanzamento della spesa è almeno pari al 50% dell’importo complessivo del finanziamento: in due soluzioni consecutive di pari importo, se sussiste disponibilità residua in relazione anche all’importo del saldo finale; in un’unica soluzione nel caso in cui, anche tenendo conto dell’importo del saldo finale la disponibilità residua non consenta di ripartire in due soluzioni il recupero dell’anticipazione concessa.

  • Richiesta pagamento intermedio (DDAS o DDR):

Come illustrato a pag. 12 del medesimo documento, le richieste di pagamento intermedio sono subordinate alla validazione dei dati dell'intervento nel sistema di monitoraggio del piano e alla trasmissione degli stessi dati alla banca dati unitaria (BDU).

A differenza della domanda di pagamento dell’anticipazione, le domande di pagamento intermedio devono essere corredate degli Allegati riportati in calce all’Allegato 3 al SIGECO aggiornato ad agosto 2020 (Allegato 3 con i relativi documenti allegati Allegato A e Allegato B).

Per quanto riguarda le DDAS (domanda di pagamento in base al SAL), si tratta in sostanza di una domanda di pagamento preventiva (costo maturato ma non fatturato). Queste richieste di pagamento intermedio possono essere presentate dal beneficiario sulla base delle spese effettivamente sostenute, anche commisurate al “costo realizzato”, che coinciderà con la somma degli importi degli atti tecnico-amministrativi che attestano l’effettivo avanzamento della spesa, come previsto dai rispettivi ordinamenti. In tal caso, entro il termine non superiore a 90 giorni dall’avvenuto accreditamento delle risorse sul conto del beneficiario, lo stesso dovrà provvedere a fornire alla competente Struttura responsabile dell’attuazione degli interventi, la documentazione che comprova l’avvenuto pagamento della spesa dichiarata (fatture, mandati di pagamento, altra documentazione equivalente) a pena della sospensione delle successive erogazioni. Tale adempimento potrà essere assolto attraverso apposita funzione di registrazione dei pagamenti effettuati, per il periodo di riferimento, da implementare nel sistema informativo SMU FSC. Decorsi inutilmente ulteriori 60 giorni dal termine sopra individuato, ove il beneficiario non adempia all’obbligo di produrre la documentazione comprovante l’avvenuto pagamento, si procede alla revoca del finanziamento. Le DDR, invece, sono sostanzialmente domande di rimborso di spese già sostenute.

  • Richieste di erogazione del saldo:

Per le richieste di erogazione del saldo finale si applica la procedura prevista per i pagamenti intermedi, ma è necessario che gli interventi siano conclusi.

Azioni sul documento

ultima modifica 2021-03-29T12:44:37+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina