Territorio. Più bella e vivibile, ecco la nuova Piazza Massarenti a Molinella (Bo)

Il Presidente Bonaccini: “Recupero dell’esistente e spazi a misura delle persone, prosegue l’applicazione della legge urbanistica regionale”

Più vivibile, bella e sostenibile. È Piazza Massarenti, uno dei fulcri della vita cittadina di Molinella (Bo), rinnovata e in grado così di rafforzare la propria funzione di aggregazione e socialità.

Frutto di un intervento di riqualificazione e rigenerazione sostenuto anche dalla Regione, Piazza Massarenti è stata inaugurata ieri dal sindaco Dario Mantovani e dalla comunità locale, insieme al presidente Stefano Bonaccini e all'assessore comunale alla Rigenerazione urbana, Margherita Carlotti.

“La qualità della nostra vita e quotidianità passa anche dalla qualità degli spazi in cui viviamo. Spazi urbani più a misura di persona, in cui sia più facile costruire relazioni e fare comunità- ha spiegato Bonaccini-. Questo intervento, in attuazione della legge urbanistica regionale, va in tale direzione, forte di un’idea di recupero che metta al centro l’esistente senza richiedere ulteriore consumo di suolo. Uno sviluppo più rispettoso dell’ambiente, ma anche in grado di mettere a valore la storia, la cultura, l’identità di un luogo”.

“Nella stessa zona abbiamo rafforzato i servizi culturali e di intrattenimento con l’apertura dei nuovi locali della scuola di musica nel 2016 e la riapertura del cinema-teatro nel 2019: l’obiettivo è creare un’area più frequentata, più vivibile, più bella di cui la nuova versione di Piazza Massarenti dovrà essere l’epicentro- ha sottolineato il sindaco Mantovani-. Se aggiungiamo che l’opera ha riqualificato gli spazi attorno a una delle scuole superiori del territorio, gli obiettivi che ci hanno mosso fin dall’inizio sono ancora più chiari. Dare a Molinella aree di maggior pregio e vivibilità è vitale, in un contesto di invecchiamento demografico della popolazione: attrarre studenti e famiglie sul territorio è la madre di tutte le sfide della contemporaneità”.

  

L’intervento

Cofinanziato da Regione e Comune per un costo complessivo di 735mila euro, di cui oltre 514 mila da risorse regionali, il progetto ha previsto la riorganizzazione della piazza, a partire dal cuore più identitario con la creazione di uno spazio pubblico di collegamento tra il teatro e l’istituto scolastico Giordano Bruno.

E valorizzando appieno il monumento a Giuseppe Massarenti, nato a Molinella nel 1867, di cui fu Sindaco, cooperatore, animatore delle lotte operaie e perseguitato dal fascismo.

L’intervento è stato realizzato nel rispetto del tracciato storico di via Mazzini, con nuovi arredi urbani per favorire i punti di incontro e di aggregazione tra la cittadinanza.

Particolare attenzione è stata prestata agli aspetti ambientali, grazie a un esteso intervento di rimozione della pavimentazione per aumentare la permeabilità del terreno e la realizzazione di più ampie superfici a verde.

Sempre in un’ottica di sostenibilità sono stati realizzati anche interventi sulla mobilità con il potenziamento di quella ciclabile e pedonale, oltre che del trasporto pubblico. Mentre il sistema di illuminazione a led con pannelli solari contribuirà alla riduzione dei consumi.  

  

La legge urbanistica della Regione Emilia-Romagna: interventi per oltre 18 milioni in provincia di Bologna

Rigenerazione e riqualificazione ambientale degli spazi urbani, riuso del patrimonio edilizio
esistente. Regole più semplici e veloci per la pianificazione dei Comuni. E un obiettivo su tutti:
consumo di suolo a saldo zero.

Approvata nella passata legislatura, la legge urbanistica regionale sta dando i suoi frutti. In provincia di Bologna considerando sia il bando del 2018 - in cui rientra l’intervento di Molinella – sia quello del 2021, sono stati finanziati 26 interventi con contributi regionali per 18,5 milioni.

A livello regionale i due bandi hanno permesso di sostenere 126 progetti, con circa 90 milioni di contributi regionali. Contributi che grazie al cofinanziamento degli Enti locali generano sul territorio investimenti per oltre 160 milioni di euro.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/10/24 07:43:00 GMT+1 ultima modifica 2022-10-24T07:46:51+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina