Legge regionale urbanistica, online l'atto di coordinamento tecnico sulle dotazioni territoriali

Approvato dalla Giunta della Regione, è rivolto ai tecnici che si occupano dei Piani urbanistici comunali

La legge regionale 24/2017, che detta la disciplina regionale sulla tutela e sull’uso del territorio, prospetta alcuni cambiamenti profondi nel sistema delle dotazioni territoriali, chiamato a esercitare un ruolo fondamentale nel Piano urbanistico comunale, soprattutto in riferimento al sostegno alla rigenerazione urbana e nel contenimento del consumo di suolo.

E’ ora disponibile online l’atto di coordinamento tecnico, approvato dalla Giunta regionale con delibera n. 110 del 28 gennaio 2021 (pdf679.61 KB). E' rivolto ai tecnici e ai professionisti che si occupano di Piani urbanistici comunali e rivede la strutturazione delle dotazioni territoriali definita dalle precedenti leggi urbanistiche regionali.

Nel definire il nuovo atto di coordinamento è stata considerata l’evoluzione dei bisogni della società e del nuovo scenario, radicalmente cambiato, che ha come obiettivo principale il consumo di suolo a saldo zero. Ci si è concentrati inoltre sulle prestazioni da raggiungere nel territorio insediato rispetto a quello per nuovi insediamenti. Lo scopo è promuovere processi di rigenerazione e quindi fare della città costruita il centro dell’azione del Piano urbanistico comunale, per perseguire quelli che sono gli obiettivi definiti dalla legge: sostenibilità ambientale, contrasto ai cambiamenti climatici, miglioramento della vivibilità dei sistemi insediativi, qualità urbana, riduzione delle disuguaglianze e diritto alla casa, valorizzazione del paesaggio e del patrimonio culturale, ecc.

All’interno dell’atto di coordinamento un ruolo centrale è affidato al rapporto tra disegno della città pubblica e Strategia del Piano, che deve stabilire la quota complessiva e identificare le aree pubbliche necessarie per soddisfare i nuovi bisogni o ammodernare gli esistenti. Il tutto attraverso una valutazione che verifichi l’adeguamento dell’esistente e le criticità pregresse.

 

Per approfondire:

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/02/19 09:26:00 GMT+1 ultima modifica 2021-02-19T10:01:56+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina