venerdì 17.11.2017
caricamento meteo
Sections

Sviluppo, coesione e cooperazione territoriale

ESPON

ESPON - European Spatial Planning Observation Network, è un programma di cooperazione interregionale che coinvolge, oltre ai 28 paesi dell'Unione europea, anche Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera.

Cosa fa la Regione

ESPON

Il programma di cooperazione interregionale ESPON (European Spatial Planning Observation Network)  si propone di continuare il consolidamento di una Rete Europea di Osservazione Territoriale e sviluppare la produzione di una conoscenza territoriale transeuropea comparabile, sistematica ed affidabile e il suo utilizzo per l’elaborazione di politiche.

ESPON approvato dalla Commissione europea il 12 febbraio 2015 con decisione C(2015) 958, oltre ai 28 paesi dell’Unione europea, è aperto alla partecipazione di soggetti provenienti da  Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera.

L’obiettivo tematico prioritario scelto è l’OT11 “Migliorare la capacità istituzionale e l’efficacia dell'amministrazione pubblica” e sono stati individuati due Assi Prioritari:
Asse I: Evidenze Territoriali, Disseminazione, Osservazione, Strumenti e Divulgazione
Asse II: Assistenza Tecnica
e cinque Obiettivi Specifici:
S01: produzione continua di evidenze territoriali attraverso le ricerche applicate e le analisi
S02: trasferimento e utilizzo della ‘conoscenza’ acquisita e supporto agli utilizzatori
S03: miglioramento dell'osservazione territoriale e implementazione degli strumenti tools per le analisi territoriali
S04: maggiore disseminazione delle evidenze territoriali e dei risultati delle analisi
S05: disposizioni e norme di implementazione e gestione del programma più snelle, efficaci ed efficienti.

ESPON ha l’obiettivo di definire 14 temi per le ricerche applicate da finanziare nell’ambito dei programmi di lavoro annuale e pluriennale.

ESPON è cofinanziato dall'Unione europea con il Fondo europeo di sviluppo regionale-FESR ed ha una disponibilità finanziaria complessiva di 48,6 milioni di euro, di cui 41,3 di contributo del FESR.


L’Autorità di Gestione ha sede in Lussemburgo. Beneficiario unico è ESPON GECT, responsabile della gestione operativa del programma, a cui è affidato il compito di sviluppare le attività e i progetti sotto la sorveglianza del Monitoring Commitee. L'Espon GECT ha una propria struttura scientifica interna e acquisisce le ulteriori competenze necessarie attraverso call for tenders e non tramite calls aperte a beneficiari.

Per l’Italia, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti è Autorità Nazionale capofila e Capo Delegazione dei Comitati di Sorveglianza, co-presidente è la Regione Lombardia, mentre la Regione Emilia-Romagna è vice presidente. Contact point italiano è l'Università Tor Vergata di Roma.

 

Archivio avvisi: eventi/news

A chi rivolgersi

Direzione Generale cura del territorio e dell'ambiente

Servizio Pianificazione territoriale e urbanistica, dei trasporti e del paesaggio

Viale Aldo Moro 30 - 40127 Bologna
tel 051 5276049 fax 051 5276895

Graziella Guaragno - Graziella.guaragno@regione.emilia-romagna.it  Tel. 051 527 6937

Per approfondire

Norme e atti

  • CP ESPON CP Espon - Programma di cooperazione ESPON adottato dalla Commissione europea il 12 febbraio 2015 con decisione C(2015) 958

Iniziative particolari

Link utili

Azioni sul documento
Pubblicato il 21/04/2016 — ultima modifica 16/11/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it