Seguici su

Fra l’oggi e il domani

Gli effetti delle rapidissime, tumultuose trasformazioni degli ultimi decenni sono sotto gli occhi di tutti. Appare comunque evidente che il vero e proprio consumo del territorio operato dal dopoguerra in avanti ha raggiunto livelli tali da non poter più essere sostenibili per lungo tempo.

È altresì chiaro che stiamo vivendo un'epoca di transizione in cui si vanno delineando le nuove modalità di un rapporto diverso e più consapevole con il territorio ed il paesaggio e molti indizi lasciano presagire il rafforzamento di un'inversione di tendenza ormai evidente.
Come in tutti i paesi approdati ad un'economia di tipo postindustriale - dove la maggior parte del reddito è prodotto dal settore terziario - l'opinione pubblica è ormai sensibilizzata e favorevole alla protezione dell'ambiente, che viene sempre più inteso come risorsa e come bene irrinunciabile. I primi risultati concreti di una maggiore attenzione all’uso del territorio non si sono fatti attendere: fra i tanti si possono citare la creazione di un articolato sistema di zone protette, che attualmente coprono circa il 7% dell'intero territorio regionale; oppure l’aumento dell’estensione dei boschi, il loro minore sfruttamento e il miglioramento qualitativo con la riconversione verso forme d’alto fusto; o ancora, il drastico cambiamento di mentalità nei confronti delle zone umide che, dopo secoli di tenaci lotte per "redimere" le aree più depresse della pianura, sono oggi riconosciute come inestimabili testimonianze e importanti risorse naturali.

imm_oggi_1.jpg
Il dilatarsi delle aree edificate, la necessità di nuove infrastrutture, l'aumento dei consumi di risorse preziose come quelle idriche porranno di continuo problematiche nuove e di non facile soluzione, cui però tutto lascia presagire che si farà fronte secondo principi di sostenibilità e di rispetto per il comune patrimonio paesistico, ambientale e naturale. Sicuramente non si potrà tornare indietro, agli anni in cui l’abbaglio del benessere facile e generalizzato ha portato la nostra Regione, come gran parte di Italia, ad attuare scelte di trasformazione che costituiranno una pesante eredità per le generazioni future.

Azioni sul documento

pubblicato il 2011/12/01 16:10:00 GMT+2 ultima modifica 2012-03-06T13:21:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina