venerdì 20.07.2018
caricamento meteo
Sections

Paesaggio

Materia Paesaggio: paesaggi instabili

Esperienze / tecniche /progetti per i paesaggi agrourbani

Parte ad aprile 2017 la nuova edizione di Materia Paesaggio, il percorso formativo che da diversi anni la Regione Emilia-Romagna e l’ANCI Emiia-Romagna realizzano con lo scopo di diffondere la cultura del paesaggio tra gli operatori pubblici e privati che svolgono la loro attività professionale sul territorio emiliano-romagnolo. Gli obiettivi di indagare contesti territoriali e temi specifici che connotano i paesaggi regionali e di promuovere lo scambio tra operatori e discipline vengono realizzati mediante attività esperienziali fondate su un metodo formativo che si basa sul learning by doing. L’attività viene infatti svolta attraverso laboratori pratico-operativi, nei quali i partecipanti sono chiamati a condividere e integrare le proprie professionalità e conoscenze, favorendo l’apprendimento reciproco tra soggetti diversi, esplorando aree territoriali che presentano caratteri e tematiche riscontrabili in tutto il territorio regionale, e pertanto replicabili su aree simili del territorio regionale.

Il percorso formativo è rivolto ai funzionari pubblici, appartenenti a diversi ambiti lavorativi (pianificazione urbanistica e territoriale, servizi sociali, agricoltura) di Comuni,  Province, Città  Metropolitana, Regione e Soprintendenze; ai liberi professionisti (architetti, ingegneri, agronomi e geologi); a queste figure che normalmente sono coinvolte nei laboratori di Materia Paesaggio, in questa edizione verranno integrati anche i cosiddetti city makers (singoli o rappresentanti di gruppi e associazioni impegnate nei temi proposti dal laboratorio), cioè quelle figure che con le loro attività dirette sul territorio promuovono pratiche di trasformazione della città, di riuso di spazi e immobili abbandonati o sotto utilizzati, di iniziative di inclusione sociale e sviluppo locale, che, generando cambiamento urbano, agiscono sul paesaggio e contribuiscono a riprodurlo. Il gruppo di lavoro sarà quindi composito di professionalità diverse, costruendo una comunità di progetto.

L’attività è organizzata in 4 Moduli durante i quali si alterneranno diversi metodi di apprendimento (lezioni frontali, comunicazioni brevi, sopralluoghi guidati, workshop progettuali, tavole rotonde, confronti pubblici) per una durata complessiva di 42 ore distribuite in 8 giornate che si succederanno, con cadenza prevalentemente settimanale, tra aprile e giugno.

Per approfondire i temi e gli obiettivi del percorso formativo, le aree di studio, il programma del corso e le modalità di candidatura, si invita alla lettura della CALL allegata, segnalando che la scadenza definitiva per presentare domanda è fissata al 13 marzo 2017.

 

Il 6 aprile prossimo inizia la edizione del 2017 di Materia Paesaggio, il percorso formativo realizzato dalla Regione in collaborazione con l’ANCI E-R destinata agli operatori pubblici e privati in materia di paesaggio. Quest’anno il progetto interessa anche i city makers, associazioni e singoli che con le loro attività intervengono sul paesaggio e contribuiscono a reinterpretarlo.

La giornata iniziale, aperta a tutti, illustra gli obiettivi del percorso formativo e fornisce alcuni spunti di riflessione per il successivo workshop, attraverso gli interventi di docenti ed esperti su casi ed esperienze italiane ed estere.

 

Plenaria_di_apertura_6 aprile 2017 – programma

 

  • PRESENTAZIONE FRANCESCO PAOLO DI IACOVO / Agronomo Università di Pisa

“Rurbano e sostenibilità sociale: progetti, percorsi, istituzioni, innovazioni e resistenze”

Professore ordinario di Economia Agraria e Sviluppo Rurale nel Dipartimento di Scienze Veterinarie dell'Università di Pisa. Autore di 200 testi tra articoli scientifici e libri, svolge ricerca sulla transizione e l’innovazione sociale, la sostenibilità e lo sviluppo sociale nelle aree rurali, l’agricoltura sociale (web: sofar, agricolturasocialeinnovativa, ibuonifrutti), la pianificazione urbana del cibo, legando riflessione teorica e pratiche aziendali (ortietici.it) e territoriali (amiataresponsabile.it, sdsvaldera.it).

Con Coldiretti Torino ha definito il concetto di cibo civile (copyleft registrato, cibocivile.it).

Audio dell'intervento

slide

  • PRESENTAZIONE AGOSTINO RIITANO / Cultural Manager

“Rural hub e valorizzazione del patrimonio storico e identitario”

Sperimenta nuovi modelli di rigenerazione urbana mediante la valorizzazione del patrimonio e delle eredità culturali, attivando progetti di innovazione sociale e creolizzazione dei linguaggi espressivi. È stato docente di project management presso il Corso di Alta Formazione in Management dei Beni Culturali e Ambientali dell’Università Federico II di Napoli. Attualmente è project manager di Rural Hub, cluster di innovazione sociale che favorisce l’affermazione di change maker rurali, è direttore dell’associazione culturale Jazzi per la promozione dei processi di innovazione culturale nelle aree interne ed è direttore dell’area progetti e sviluppo della Fondazione Exclusiva per la promozione della creatività e del talento Made in Italy.

Audio dell'intervento

slide1 / slide2

  • PRESENTAZIONE CLAUDIA MATTOGNO / Architetta e Urbanista, Ph.D Università La Sapienza di Roma

“Spazi agricoli come nuove forme di abitabilità urbana. Il caso di Roma”

Professore ordinario di Urbanistica presso il corso di laurea di Ingegneria Edile-Architettura di Sapienza Università di Roma, è attualmente direttora del Centro interdipartimentale Fo.Cu.S che si occupa di valorizzazione e gestione dei centri storici minori.

I suoi campi di ricerca si collocano nell'ambito del disegno urbano con particolare riferimento alla struttura e al significato degli spazi di relazione, alle trasformazioni e alla riqualificazione dell’edilizia residenziale pubblica e del paesaggio contemporaneo, agli studi di genere.

Audio dell'intervento

slide

  • PRESENTAZIONE ELENA MARCHIGIANI / Architetto e Ph.D Università degli studi di Trieste

“Riattivare gli spazi del pubblico a Trieste. Tra diversi strumenti e punti di vista”

Ricercatrice di Urbanistica al Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Trieste, dove è professore di Progettazione urbanistica al corso di laurea magistrale in Architettura. Tra il 2011 e il 2016 è stata assessore del Comune di Trieste, dapprima con le deleghe ai Lavori pubblici, Edilizia privata e Politiche della casa, quindi con quelle alla Pianificazione urbana, Mobilità e traffico, Edilizia privata, Politiche della casa e Progetti complessi. Ha pubblicato numerosi saggi critici sulle politiche pubbliche, il progetto di paesaggio, la storia e i processi di rigenerazione dell’edilizia sociale, le pratiche di partecipazione e interazione nei processi di pianificazione e progettazione urbana.

Audio dell'intervento

slide

  • PRESEMTAZIONE CLAUDIO CALVARESI / Urbanista e Ph.D Avanzi

“City Making e processi di rigenerazione”

Professore aggiunto di Urban Conflicts Analysis presso il Politecnico di Milano, è stato direttore dell’area politiche urbane dell’IRS. Lavora al programma di cooperazione europea Urbact come valutatore esterno. Svolge attività di ricerca, valutazione e consulenza nel campo delle politiche urbane. Accompagna progetti di innovazione sociale, rigenerazione urbana e sviluppo locale. Attualmente è senior consultant presso Avanzi.

Audio dell'intervento

slide

  • PRESENTAZIONE VALENTINA ORIOLI/ Comune di Bologna, Assessore Urbanistica e Ambiente

“Gli spazi agricoli nella pianificazione urbanistica di Bologna”

Laureata in architettura a Venezia, è dottore di ricerca, professore associato di Tecnica e pianificazione urbanistica al Dipartimento di Architettura dell'Università di Bologna, dove è responsabile dell'Unità Operativa di Sede di Cesena. Valentina Orioli, assessore all'urbanistica e all'ambiente del Comune di Bologna. Ha preso parte a vari progetti di ricerca nazionali ed europei. Autrice di varie monografie e saggi sui temi dell'edilizia sociale e della costruzione delle periferie urbane nel secondo dopoguerra, è vice presidente di URBAN@IT, Centro nazionale di studi per le politiche urbane, costituito a Bologna in dicembre 2014, per iniziativa dell'Università di Bologna, del Politecnico di Milano e di Laboratorio Urbano“

Audio dell'intervento

  • PRESENTAZIONE GIUSEPPE DE TOGNI / Architetto Comune di Bologna Unità di Progettazione Urbanistica del Settore Piani e Progetti urbanistici

“Il progetto Pilastro: strategie, trasformazioni e progetti verso la creazione di una nuova centralità”

Responsabile Unità di Progettazione Urbanistica del Settore Piani e Progetti urbanistici del Comune di Bologna che coordina e gestisce le attività di pianificazione territoriale e urbanistica oltre alla pianificazione attuativa. Il settore sviluppa i programmi e i progetti strategici di trasformazione urbana, così come i programmi di edilizia residenziale e sociale. Ha competenza nella tutela e gestione del centro storico ed elabora progetti relativi allo spazio pubblico della città.

Audio dell'intervento

slide

  • PRESENTAZIONE BARBARA MARANGONI / Architetto e Ph.D

“Laboratori dinamici e itineranti: struttura e temi da affrontare”

Dal 2001 svolge attività di pianificazione territoriale e urbanistica e si interessa della lettura dei caratteri e delle dinamiche dei paesaggi con particolare riferimento a quelli emiliano-romagnoli. Negli ultimi anni si è dedicata alla definizione di strumenti per la gestione del paesaggio rurale svolgendo anche attività di progettazione e coordinamento di percorsi formativi su queste tematiche. È la coordinatrice dei laboratori di Materia paesaggio.

slide

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/02/2017 — ultima modifica 08/03/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it