giovedì 24.05.2018
caricamento meteo
Sections

Paesaggio

Commissione regionale per il paesaggio

La Commissione regionale per il paesaggio è stata prevista dall’art. 40-duodecies della L. R. n. 23 del 2009. Prima le Commissioni erano provinciali. La modifica è stata imposta dal Codice dei beni culturali e del paesaggio (art. 137) e dalla interpretazione che ne dato il Ministero.

Compiti della Commissione regionale per il paesaggio

I compiti sono sostanzialmente relativi alla valutazione e verifica delle proposte di apposizione di VINCOLO PAESAGGISTICO su aree e immobili ritenute di notevole interesse pubblico paesaggistico.

Dopo 22 anni dall'adozione del Piano Territoriale Paesistico la Regione Emilia-Romagna, si ritrova ancora a gestire un doppio regime di salvaguardia:
• quello discendente dagli artt. 136, 137 Dlgs. 42/2004, che è inevitabilmente costituito da un "insieme di punti",
• quello innescato dal Piano regionale, esteso all'intero territorio.
Il primo viene alimentato dall'azione delle Soprintendenze, che possono emanare autonomi decreti di vincolo, e dalle Commissioni regionali per le Bellezze naturali, confermate dall'art. 137 dello stesso D.Lgs. 42/04, la cui funzione è stata ridefinita dall'art. 40-duodecies della L.R. n.23 del 2009, che hanno il compito di proporre alla regione elementi da sottoporre a tutela in quanto rappresentativi dei valori paesaggistici peculiari dei luoghi.

imm_comm_reg.jpg

La proposta di vincolo, presentata dal Soprintendente, dalla Regione o dagli Enti locali, viene esaminata ed istruita dalla Commissione e inviata alla Giunta regionale, per l’ approvazione, che determina l’assoggettamento a procedura di autorizzazione paesaggistica tutti gli interventi di trasformazione del territorio che si propongono nell’area vincolata.
Nella individuazione della composizione della Commissione sono state individuate tre macro aree di competenza della Commissione (Parma-Piacenza; Reggio Emilia-Modena-Bologna; Ferarra-Ravenna-Forlì-Cesena-Rimini), che opera quindi in composizione differenziata a secondo dell’area interessata dalla proposta di vincolo. 
I componenti di diritto sono: il Responsabile del Servizio Paesaggio della Regione e il Direttore Regionale del MiBAC, i Soprintendenti locali e i Responsabili in materia di paesaggio delle 9 Province. Infine, la Giunta (sulla base di terne richieste a Università, associazioni di interessi diffusi, Ordini professionali) ha individuato e nominato tre esperti per ogni macroarea.
Presidente della Commissione è stato nominato il Responsabile pro-tempore del Servizio Paesaggio della Regione.
Infine, è stato nominato un gruppo tecnico di supporto all’attività della Commissione.
La Commissione dura in carica 5 anni.

Rinnovo della Commissione regionale per il paesaggio

Già istituita nel 2010, la Commissione regionale per il paesaggio è scaduta naturalmente dopo cinque anni, e quindi è stato necessario rinnovarla.

In applicazione della legge regionale, si è in primo luogo proceduto a nominare gli esperti del paesaggio (DGR n. n. 2135 del 2015), e successivamente è stato emanato il Decreto del Presidente n. 9 del 2016 che ha istituito la nuova Commissione. Sempre in attuazione della legge regionale, con DGR n. 86 del 2016 è stato nominato il Responsabile del Servizio pianificazione urbanistica e paesaggio e uso sostenibile del territorio quale Presidente della Commissione, e contestualmente è stato aggiornato il Regolamento di funzionamento della Commissione stessa, alla luce di alcune modifiche normative avvenute dal 2010 in avanti. La Commissione regionale per il paesaggio si è insediata il 4 marzo 2016.

 

Attività in corso

La Commissione Regionale per il Paesaggio si è insediata il 29 giugno 2011 con il mandato di formulare e valutare le proposte di apposizione di vincolo di notevole interesse pubblico a immobili e aree secondo l’art. 137 del D. lgs. 42/2004. Il suo compito include anche la conclusione di procedure di dichiarazione di notevole interesse pubblico che erano rimaste sospese nell’attesa dell’insediamento della suddetta Commissione a livello Regionale.

Analisi e discussione dei 4 vincoli paesaggistici affissi

Esame della proposta di tutela nel territorio della Provincia di Ferrara per l’area denominata “Parco agricolo di Malaffitto” compresa nella zona dalle caratteristiche storico ambientali della Partecipanza Agraria di Cento (ID200).

Esame della proposta di ampliamento dell’“Area fluviale ed agricola a destra Po – Luoghi Bacchelliani” sita nel territorio del Comune di Ro Ferrarese (ID201).

Esame della proposta di tutela nel territorio della Provincia di Modena per l’inclusione nell’Elenco Bellezze Naturali della zona: “Valle del Guerro” tra le località Ca’ di Sola e Castelvetro, in comune di Castelvetro (ID202).

Esame della proposta di tutela nel territorio della Provincia di Rimini nel Comune di Rimini, in località Covignano e area collinare circostante (ID203).

 

Proposta di aggiornamento della carta forestale del PTPR relativa al territorio dell'Unione Rubicone e Mare (Fc).

 

 

Proposte rinviate al lavoro del Comitato Tecnico Scientifico per l'adeguamento del PTPR al Dlgs 42/04.

Verbale della Commissione Regionale per il paesaggio del 31 maggio 2017

 

Attività concluse

Territori dichiarati di notevole interesse pubblico paesaggistico ai sensi dell'articolo 136 del Codice dei beni culturali e del paesaggio Dlgs n.42/04.

DGR. N.1712 del 28/11/2011 - Modifica della perimetrazione della dichiarazione di notevole interesse pubblico dell'area ad elevato pregio paesaggistico di Canossa, nei comuni di Canossa e San Polo d'Enza nella provincia di Reggio Emilia, ai sensi dell'art. 136 del dlgs n. 42/04 e s.m.i., e degli articoli 4oduodecies e 40terdecies della l.r. n. 20 del 2000, s.m.i.

 

STORICOProposta di modifica della perimetrazione della dichiarazione di notevole interesse pubblico dell'area ad elevato pregio paesaggistico di Canossa, nei comuni di Canossa e San Polo d'Enza nella provincia di Reggio Emilia.

--------------------------------------------------------------------------

Decreto DR del 7 novembre 2013 - Dichiarazione di notevole interesse pubblico riguardante l'area in località Monte Romano, Comune di Brisighella (RA) - pubblicata in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 288 del 09.12.2013.

 

STORICOProposta di Dichiarazione di notevole interesse pubblico riguardante l'area in località Monte Romano, Comune di Brisighella (RA).

--------------------------------------------------------------------------

DGR. n.200 del 17/02/2014 - Approvazione della dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico, ai sensi dell'art.136, comma 1, lett. c) e d) del Dlgs. n.42/04, smi, denominato "Tutela paesaggistica delle colline di Monteveglio (BO), ai sensi dell'art. 140, comma 1, Dlgs. n.42/04, s.m.i. e degli articoli 40 duodecies e 40 terdecies della L.R. 24 marzo 2000, n.20, s.m.i."

allegati realtivi alla deliberazione n.200 del 17/02/2014:

 

STORICOProposta di dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico, ai sensi dell'art.136, comma 1, lett. c) e d) del Dlgs. n.42/04, smi, denominato "Tutela paesaggistica delle colline di Monteveglio (BO).

-------------------------------------------------------------------------------------

DGR. n. 1830 del 11/11/2014 - Approvazione ai sensi dell'art. 138, comma 3, del D.lgs. N. 42 del 2004 e dell'art. 40- DUODECIES della L. R. N. 20 del 2000 della dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico denominato "DICHIARAZIONE DI NOTEVOLE INTERESSE PUBBLICO PAESAGGISTICO DEL MONTE PILLERONE - CASTELLO DI MONTECHIARO - COMUNI DI TRAVO E RIVERGARO (PC)" e contestuale revoca e sostituzione del vincolo paesaggistico già istituito con DM 1/8/1985".

allegati relativi alla deliberazione n.1830 del 11/11/14

 

STORICOProposta di revisione della dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico del Monte Pillerone - Castello di Montechiaro - Comuni di Travo e Rivergaro (PC).

-------------------------------------------------------------------------------------

DGR n.258 del 29/02/2016 - Approvazione ai sensi dell'art. 140, comma 1, del D lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, e degli articoli 40duodecies e 40terdecies della L.R. 24 marzo 2000, n. 20, della "Dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico di una zona sita nel comune di Castelnovo ne' Monti (RE)" - contestuale revoca e sostituzione del vincolo paesaggistico già istituito con DGR n. 8266 del 31/12/1984 - abrogazione della DGR n. 8266 del 31/12/1984.

allegati alla delibera DGR n.258 del 29/02/2016

 

STORICOProposta di revisione della dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico di una zona sita nel comune di Castelnovo ne' Monti (RE).

Azioni sul documento
Pubblicato il 20/12/2011 — ultima modifica 09/03/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it