martedì 30.05.2017
caricamento meteo
Sections

Paesaggio

Beni paesaggistici

Il Codice dei Beni Culturali, nella parte terza, definisce il paesaggio come "il territorio espressivo di identità, il cui carattere deriva dall'azione di fattori naturali, umani e dalle loro interrelazioni" (art. 131) e sottolinea il ruolo imprescindibile della cooperazione tra le amministrazioni pubbliche al fine di pervenire alla "definizione di indirizzi e criteri riguardanti l'attività di pianificazione territoriale, nonchè la gestione dei conseguenti interventi, al fine di assicurare la conservazione, il recupero e la valorizzazione degli aspetti e caratteri del paesaggio" (art. 133).

Cosa fa la Regione

Perticara, vincoli La Regione, a cui è trasferita la competenza in materia di pianificazione paesaggistica, ha svolto il compito di sottoporre a specifica normativa d'uso e valorizzazione il territorio che comprende i beni vincolati (art.142 del D.lgs 42/2004), cioè quelli che insistono su fasce o aree geografiche prevalentemente di tipo fisico per le quali la legge stessa riconosce la necessità di una tutela, attraverso la realizzazione dei Piano territoriale paesistico regionale, che ha la finalità di salvaguardare i valori paesaggistici e ambientali, presenti nella propria realtà territoriale.

Con l’entrata in vigore del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al D. Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, e s.m.i., ma soprattutto a seguito del cambiamento culturale imposto dalla Convenzione europea del paesaggio, aperta alla firma il 20 ottobre 2000 e ratificata dallo Stato italiano con la L. n. 14 del 9 gennaio 2006, la situazione giuridica della tutela del paesaggio ha mutato di prospettiva.

In particolare, la Convenzione europea sollecita il riconoscimento del valore paesaggistico a tutto il territorio, mentre la normativa statale, ribadendo l’obbligatorietà della pianificazione paesaggistica da parte delle Regioni, ha stabilito che l’elaborazione dei piani paesaggistici deve avvenire in maniera congiunta tra Ministero e Regioni almeno limitatamente ai cosiddetti beni paesaggistici, che diventeranno parte integrante dei Piani territoriali paesistici.

San Leo, vincoliPertanto, la Regione si accinge ad avviare l’adeguamento del Ptpr alle disposizioni del Codice dei beni culturali e del paesaggio congiuntamente al MiBAC, per i territori che rientrano nella tutela paesaggistica come beni vincolati con provvedimento ministeriale o regionale di "dichiarazione di notevole interesse pubblico" ai sensi dell'art. 139, cioè le bellezze individue e le bellezze d'insieme (si tratta delle categorie già previste dall'art. 1 della L. 1497/39).

 

 

PER APPROFONDIRE

Commissione Regionale per il Paesaggio

La Commissione Regionale per il Paesaggio si è insediata il 29 giugno 2011 con il mandato di formulare e valutare le proposte di apposizione di vincolo di notevole interesse pubblico a immobili e aree secondo l’art. 137 del D. lgs. 42/2004.  In precedenza le Commissioni erano provinciali. La modifica è stata imposta dal Codice dei beni culturali e del paesaggio e dalla interpretazione che ne dato il Ministero. I compiti della Commissione sono sostanzialmente relativi alla valutazione e verifica delle proposte di apposizione di VINCOLO PAESAGGISTICO su aree e immobili ritenute di notevole interesse pubblico paesaggistico.

Vincoli paesaggistici I vincoli paesaggistici disciplinati dal Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, Codice dei beni Culturali e del Paesaggio.

Autorizzazione paesaggistica

Da oltre 70 anni in Italia il paesaggio è oggetto di tutela con l'obiettivo di non "distruggerlo ed introdurvi modificazioni che rechino pregiudizio a quel suo esteriore aspetto". Per ottemperare tale obiettivo è stato utilizzato lo strumento dell'acquisizione di una specifica autorizzazione: "ex art.7" della L. 1497 del 1939, preventiva ed autonoma rispetto ai titoli abilitativi di natura edilizia.

Corsi d'acqua pubblici di rilevanza paesaggistica - Database on line

Ai sensi dell’art. 142, comma c), del D. Lgs. 42/2004 (Codice Urbani), sono assoggettati per legge a vincolo paesaggistico "i fiumi, i torrenti, i corsi d’acqua iscritti negli elenchi previsti dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775, e le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna".

Archivio documentale per i beni paesaggistici (art.136 del Dlgs n.42/2004) La pagina offre una catalogazione dei beni paesaggistici che insistono sul territorio. L'elenco comprende i beni dichiarati di notevole interesse pubblico ai sensi della L.778/1922, della L. 1497/1939, del Dlgs 490/1999 e del D.Lgs 42/2004.

A chi rivolgersi

Servizio Pianificazione territoriale e urbanistica, dei trasporti e del paesaggio

viale Aldo Moro 30 - 40127 Bologna
tel. 051.527.6049  fax 051.527.6895
email urbapae@regione.emilia-romagna.it
email certificata urbapae@postacert.regione.emilia-romagna.it

responsabile del servizio Roberto Gabrielli

 

aspetti amministrativi

Nicoletta Vivarelli
tel. 051.527.3792
email nvivarelli@regione.emilia-romagna.it

 

aspetti tecnici

Daniela Cardinali
tel. 051.527.8804
email dcardinali@regione.emilia-romagna.it

Marco Nerieri
tel. 051.527.8802
email mnerieri@regione.emilia-romagna.it

Maria Romani
tel. 051.527.6831
email maromani@regione.emilia-romagna.it

 

aspetti normativi

Anna Maria Mele
tel. 051.527.6840
email amele@regione.emilia-romagna.it

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 19/06/2013 — ultima modifica 29/11/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it