mercoledì 22.11.2017
caricamento meteo
Sections

Ravenna, presentato in Consiglio comunale il nuovo POC

Al centro la riqualificazione e rigenerazione urbana e la riduzione del consumo del suolo

Porre al centro la riqualificazione e la rigenerazione urbana e puntare a una significativa riduzione del consumo di suolo. Sono questi i punti centrali del nuovo POC (Piano operativo comunale) del Comune di Ravenna, lo strumento urbanistico che individua e disciplina gli interventi di tutela e valorizzazione, di organizzazione e trasformazione del territorio, da realizzare nell'arco temporale di cinque anni.

L'iter è stato avviato con la presentazione in Consiglio comunale, dove la discussione sul secondo POC si concluderà nella seduta del 31 ottobre, durante la quale è prevista anche l’adozione dello strumento. Dopo l’adozione scatteranno i termini per la presentazione delle osservazioni, che saranno esaminate e controdedotte dagli uffici. L’obiettivo dell’Amministrazione comunale è quello di arrivare all’approvazione del secondo POC in Consiglio comunale entro la primavera. Già dopo l’adozione i privati potranno comunque presentare i loro piani.

Alla base della redazione del secondo POC è stata condotta un'analisi approfondita del territorio; per questo per ogni ambito è stato redatto un documento specifico, a supporto delle decisioni, con l’inquadramento dello stato di fatto, lo studio dell’analisi dei rischi e dei vincoli ambientali vigenti, dimensionamento del pregresso e l’attuazione del Piano regolatore generale e del primo Poc 2010 – 2015.

Inoltre nell’ambito della redazione di questo nuovo strumento è stato condotto un attento studio di microzonazione sismica. Questo studio, che Ravenna è stata una delle prime realtà italiane a volere, ha consentito di approfondire un tema molto delicato e attuale come la prevenzione e la sicurezza sismica, consentendo di redigere nuovi strumenti che saranno messi a disposizione di tutta la comunità volti a mappare su tutto il territorio comunale le aree in relazione al rischio sismico di liquefazione dei terreni.

Nel secondo POC Il Comune di Ravenna tiene conto delle nuove linee di indirizzo che intende perseguire con la futura variante generale, fortemente orientata a promuovere la riqualificazione e la rigenerazione urbana e contestualmente una significativa riduzione del consumo di suolo ponendo un limite concreto alla futura espansione della città. La Valutazione di sostenibilità ambientale e territoriale (Valsat) ha evidenziato che, coerentemente alla nuova legge urbanistica attualmente in itinere, rispetto al precedente POC si prevede una riduzione consistente della Superficie territoriale trasformabile (- 40%, pari a 3.600.000 metri quadri) e della Superficie complessiva edificabile (-25%).

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 27/10/2017 — ultima modifica 27/10/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it